8 settembre 1943
.: Torna alla introduzione .: Programma  


Don Giuseppe Cavalli. I cattolici nella lunga vigilia del ventennio


[…] Colta nella concretezza originaria e sostanziale della verità storica, ripensata e studiata alla luce delle sue più alte e nobili aspirazioni, la Resistenza appare ed è realmente un capitolo stupendo di cui si è arricchita la storia non soltanto d’Italia ma dell’Europa e del mondo: testimonianza corale di “humanitas”, di solidarietà, di comunione fraterna, di fede ardente nella libertà e nella giustizia, di generosa e, spesso eroica “disponibilità” al sacrificio, d’incoercibile anelito per un nuovo ordine di cose, per un mondo migliore; moto di popolo, moto spontaneo, vastissimo, plebiscitario, ricco di accenti bellissimi e di slanci sublimi, che — affondando le sue radici .nelle istanze più vive dell’essere umano — sollecitò prodigiosamente a raccogliersi in una mirabile comunione di spiriti, di intenti, di lotte e dì sacrifici, tutte le fedi religiose, tutte le tendenze politiche, tutte le classi sociali che vi parteciparono. In effetti, la Resistenza — come ebbe a definirla Teresio Olivelli purissima figura di Eroe e Martire Cristiano — non fu che una rivolta. dello spirito, fatta di dolore e di fierezza, non contro altri uomini, non contro questo e quel programma politico, ma contro i sistemi di un’epoca, contro un costume di vita, contro ‘le aberranti e allucinanti concezioni del mondo, della storia e dell’uomo, che sovvertivano i valori supremi dell’esistenza, le basi stesse della civiltà umana e cristiana; fu la coscienza di tutto un popolo che, ritrovate le profonde sorgenti della propria vitalità spirituale e civile, insorse contro gli intollerabili arbitrii dell’oppressione domestica e straniera per riaffermare l’inalienabile diritto della persona umana ad una vita libera, sicura, dignitosa, e per uscire dalla soffocante atmosfera della contaminazione quotidiana, della prepotenza, della servitù morale e politica; insorse perché si rifiutava di credere che l’Italia, maestra di civiltà, terra di Martiri e di Santi, di Poeti e di Artisti fosse caduta così in basso da accoppiarsi nefandamente alla barbarie organizzata; e scese decisamente in campo, sotto la bandiera tricolore della Patria, in nome della libertà e della giustizia, accorrendo dalle officine, dai campi, dagli scagni, dalle cattedre e dai banchi di scuola — uomini di ogni età e condizione, di ogni fede religiosa e tendenza politica: operai, contadini, impiegati, insegnanti e studenti, professionisti e sacerdoti, ufficiali e soldati — per riscattare il proprio onore, per salvare la Patria dall’abisso in cui era stata gettata dalla follia dei tiranni, per operare lo sganciamento del Paese dalle delittuose responsabilità delle “razze” in delirio, che —dividendo il mondo in una schiera esigua di “ superuomini ” destinati al domino e al privilegio da una parte, e in una mandria di “ sottouomini ” condannati al più umiliante servaggio dall’altra — avevano instaurata con torture, carceri, deportazioni, rappresaglie e stermini, una tirannia quasi ineguagliata ed ineguagliabile nella storia. E proprio perché la Resistenza — stimolata dall’avversione all’arbitrio, al prepotere, all’oppressione dei dittatori; accesa e nutrita da una inestinguibile sete di libertà e di giustizia; sostenuta dalla solidarietà generosa ed eroica delle popolazioni — fu essenzialmente una rivolta dello spirito per la difesa dei diritti più sacri dell’uomo, si avverò nella lotta di Liberazione una confluenza d’ideali così puri ed alti, un respiro così largo e vitale di comunione e fraternità umana da far dire a Pietro Calamandrei che la Resistenza ebbe un suo carattere “ religioso ”, e da spiegare quella incontestabile dimensione di “ universalità ” che qualifica la Resistenza come un fenomeno non soltanto italiano ma europeo e addirittura mondiale.

Associazione Partigiani Cristiani, Il contributo dei cattolici alla lotta di liberazione. Atti del 1° convegno di studi tenuto a Como nei giorni 8-9 dicembre 1962. A cura del Prof. Don Giuseppe Cavalli, Torino, Aldo Spinardi ed., 1964, p. 62-63.


 

 

 

 

 

MENU'

:: Oltre il ponte


:: Cronologia

:: Le forze in campo

:: Testimonianze

:: Le motivazioni

:: Resistenza e letteratura

:: La preghiera del ribelle

:: Galleria d'immagini

:: Canzoni

::Bibliografia

::Filmografia

:: Links

:: Credits

:: Contatti

©it.city S.p.A. - Servizi informatici aziendali